Sentieri della mente

Vai ai contenuti

Menu principale:

Che cos'è

GrafoPsicologia

GRAFO-PSICOLOGIA: CHE COS'È?

 

La Grafo-Psicologia, o Psicologia della scrittura, o anche Grafologia, fa parte dei test proiettivi della Psiclogia, in particolare di quelli rifrattivi. Il postulato di fondo, infatti, è quello secondo cui ogni deformazione, rifrazione, impressa al modello calligrafico appreso a scuola è proiezione della personalità dello scrivente.

Si tratta di una convinzione antichissima (se ne trova traccia presso gli Egizi e i Romani). Tuttavia, il primo tentativo di ricavare da uno scritto i tratti psicologici dell’autore si deve a Camillo Baldi di Bologna che nel 1622 pubblicò il Trattato su come da una lettera missiva si conoscano la natura e le qualità dello scrivente. Si tratta, ovviamente, di un’opera priva di valore scientifico in quanto fondata esclusivamente sull’intuizione dell’autore.

Col francese Jean-Hyppolite Michon (1806-1881), verso la metà dell’Ottocento, si ebbe il primo tentativo di studiare la grafia con criteri scientifici. Alla sua scuola si formò Jean Crépieux-Jamin (1858-1952) che riordinò tutto il materiale del maestro dando alla Grafologia un metodo atto a farla uscire dall’empirismo.

A Monaco, nel 1897, Hans H. Busse fondò la Società grafologica tedesca. Sarà però Ludwig Klages (1872-1956) a rivoluzionarne gli indirizzi riducendo la molteplicità dei segni in gruppi da lui ritenuti essenziali. Tenterà anche, come avevano fatto gli altri, di formulare delle leggi della scrittura.

In Svizzera Max Pulver (1899-1952), ricollegandosi a Klages, si ispirò prevalentemente alla psicoanalisi, formulando la tesi del simbolismo della scrittura.

Per quel che riguarda l’Italia, è stato menzionato il Baldi. Della stessa epoca fu Marco Aurelio Severino (1580-1656), professore di anatomia e chirurgia all’Università di Napoli, autore del manoscritto inedito Vaticinator, sive tractatus de divinatione litterali. Nel 1895 Cesare Lombroso pubblicò l’opera Grafologia. Del 1920 è l’opera Quello che dice la scrittura, Trattato pratico di grafologia di Gino Sabbatini. Nel 1928 Raimondo Astillero pubblicò la Grafologia scientifica. Zanetti-Rollandini nel 1941 pubblicarono Grafologia. L’arte di conoscere gli uomini dalla scrittura. Tutti questi Autori sono legati alla Grafologia francese.

Altro nome della Grafologia italiana è quello del francescano Girolamo Moretti (1879-1963). Inizialmente il frate fu legato al Crépieux-Jamin e il suo Trattato di grafologia del 1914 risente di tale legame. Successivamente se ne distaccherà elaborando un proprio autonomo metodo. Il Moretti restò a lungo estraneo sia agli studiosi stranieri sia a quelli italiani. Ebbe contrasti e critiche di ogni genere.

Altra personalità italiana è quella di Marco Marchesan (1899-1991), cui si deve la denominazione Psicologia della scrittura, che dette inizio alla sua attività nel dicembre del 1936. Nel 1947 fondò in Milano l’Istituto di indagini psicologiche e nel 1961 la Società internazionale di Psicologia della scrittura.

Il Corso di Grafo-Psicologia che si tiene all'UNITEL di Seregno ha, da una parte, una finalità informativa di tipo essenziale e, dall'altra, una finalità pratica, orientata ad una migliore conoscenza di sé.


È suddiviso in due parti:

1. Nella prima, dopo una breve introduzione, si offre un ragguaglio sui fondamenti della disciplina; quindi ogni corsista stilerà, sotto dettatura, un proprio scritto che servirà come punto di riferimento per le analisi.

2. La seconda parte, la più lunga e impegnativa, è dedicata all’esame dei singoli segni grafici, alle rispettive tendenze psichiche ed alla contemporanea individuazione, sotto la guida del docente, di quelli delo scritto di ciascun corsista, con lo scopo di pervenire, verso la fine Corso, alla stesura di un breve profilo psicologico.

S.F. Mingiardi

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu