Sentieri

Sentieri della mente
Luoghi dell'anima
SENTIERI
Vai ai contenuti
Home Page


UN CORDIALE BENVENUTO
A LEI CHE STA VISITANDO QUESTO SITO
                                                                                                  
                                                                                    
                                                         
                                                             



               
                            







Attraverso le varie voci del menu, Lei può accedere a temi, problemi, opere, video di Filosofia, Psicologia, Antropologia, Itinerari Musicali direttamente presenti in questo sito o in altri ad esso collegati. Ogni voce comprende diverse sezioni. In particolare, quelle di Filosofia offrono l'opportunità di consultare le opere più rilevanti dei protagonisti della sua storia. In misura minore, lo stesso si può dire delle altre voci e sezioni.

I corsisti dell'UNITEL - Università del Tempo Libero - di Seregno (MB), cui è dedicata una sezione a parte in questo sito, possono trovarvi anche le diapositive delle lezioni via via svolte nel corso degli anni sulle suddette discipline.

Infine, una breve considerazione sul titolo della testata.

I Sentieri della mente sono tutti quegli itinerari che come esseri coscienti abbiamo percorso e percorriamo nello svolgersi della nostra esistenza. Sentieri che si snodano per i più diversi luoghi, in senso reale e figurato, che si tramutano in Luoghi dell'anima, rifugio, consolazione e ristoro nei momenti di smarrimento, di sofferenza, di bisogno di intimità con sé stessi, di ritorno alle radici fondative del proprio esserci.

Sal Michard





SOCRATE
SOCRATE (470-399) nel corso del tempo è diventato, grazie al suo discepolo Platone che lo rese protagonista dei suoi "Dialoghi", l'emblema stes-so del filosofo, amante della conoscenza e soprat-tutto di quella conoscenza che concerne il mestiere del vivere secondo razionalità, giustizia, ricerca del bene per sé e per gli altri. Per il suo atteggiamento spregiudicato, divenne inviso a parechi politici e non, che l'accusarono di empietà e di corruzione dei giovani, per cui venne processato e condannato a morte. Per la coerenza ai suoi principi dimostrata durante il processo e per l'accettazione serena della condanna, spesso è stato accostato a Gesù, anch'egli vittima d'un processo iniquo.





LÉVI STRAUSS
CLAUDE LÉVI-STRAUSS (1908-2009), francese, tra i massimi pensatori del XX secolo, è stato antropologo, etnologo, filosofo, teorico dello strutturalismo, teoria secondo cui i fenomeni culturali vanno interpretati in riferimento a elementi universali e inconsci della struttura fondante d'ogni civiltà. Epocali i suoi studi sulle popolazioni cosiddette “selvagge”, raccolti nelle sue due opere più note, Tristi Tropici e Il pensiero selvaggio. In esse Lévi-Strauss, analizzando a fondo la nozione di cultura come sistema simbolico e semiotico, critica la presunta superiorità della cultura occidentale – stigmatizzandone l'etnocentrismo e il conseguente umanesimo - rispetto alle cosiddette mentalità primitive, cui conferisce logicità, pari dignità e rispetto.
VIKTOR FRANKL
VIKTOR FRANKL (1905–1997) neurologo, psichiatra e filosofo austriaco, è stato uno fra i fondatori dell'analisi esistenziale e della logoterapia, metodo che tende a evidenziare il nucleo profondamente umano e spirituale dell'individuo per far emergere il senso personale della propria esistenza. Uno dei suoi best seller s'ititola Alla ricerca di un senso per l'esistenza.
Dal 1942 al 1945 fu prigioniero in quattro campi di concentramento nazisti, tra cui Auschwitz e Dachau. Da quella tragica esperienza prese avvio il suo metodo terapeutico denominato Logoterapa, consi-derato come terzo metodo della scuola viennese, dopo quelli di Sigmund Freud e Alfred Adler.





L.V. BEETHOVEN
LUDWIG VAN BEETHOVEN (1770-1827), tedesco di Bonn, fu compositore, pianista, direttore d'orchestra. Figura cruciale della musica colta occidentale, ultimo rappresentante di rilievo del classicismo viennese, è considerato uno dei più grandi e influenti compositori di tutti i tempi e tra i massimi geni della storia della musica. Nonostante la progressiva sordità che lo colpì prima ancora di aver compiuto trent'anni, Beethoven continuò a comporre, dirigere e suonare, lasciando una produzione musicale straordinaria per forza espressiva e per capacità di evocare emozioni.
Il 16 dicembre 2020 si sono ricordati i 250 anni dalla sua nascita con manifestazioni commemorative che si protrarranno per tutto il 2021.
Homo sum, humani nihil a me alienum puto
(Terenzio, "Heautontimorumenos")
Torna ai contenuti